A cassintegrato italiano 180 euro in tre mesi: ai migranti 35 euro al giorno

Condividi!

“Prima ero in procinto di stipulare un mutuo per l’acquisto della casa”. Ora non ha nemmeno i soldi per mangiare. Stefano Fiorini ha 32 anni, abita a Poggio Renatico, da solo. Lavora come porta-pizze per una pizzeria nel bolognese. Contratto a tempo indeterminato che gli aveva dato la possibilità di stipulare un mutuo. Poi la chiusura della pizzeria durante il lockdown. E la cassa integrazione che non arriva. “Perché Conte promette, ma non mantiene”, afferma deluso.

“La cassa integrazione? In tre mesi ho ricevuto soltanto 180 euro”. Centottanta euro. Intanto, Conte non smette di mantenere quasi 90mila immigrati in hotel, a 1.150 euro al mese. Abbiamo un governo che dà 1.150 euro ad uno che sbarca in vitto, alloggio e paghetta mentre ad un lavoratore italiano in cassintegrazione 60 euro al mese. Lo scrive Notizie Universali.

Condividi!

Rispondi

© 2019-2020 Stopcensura.org | Tutti i diritti riservati. Le pubblicazioni sul sito web non hanno alcun carattere di periodicità.