Anche Ricciardi è per l’approvazione della sanatoria: “Regolarizzare tutti i clandestini”

Condividi!

Il professor Walter Ricciardi, consigliere del ministro della Salute Roberto Speranza per l’emergenza Coronavirus, ancora al centro dell’attenzione mediatica. E’ quanto scrive stamane il Giornale.

Dopo la questione Oms e i “particolari” tweet contro Trump, per l’esperto si apre un nuovo fronte polemico. Secondo quanto riporta La Verità, Ricciardi si è presentato al pubblico nella veste di professore dell’Università Cattolica, dove è ordinario d’Igiene e medicina preventiva, e proprio come docente ha firmato un documento redatto dagli economisti Leonardo Becchetti e Tito Boeri per la regolarizzazione degli immigranti clandestini.

Nel documento si scopre che i firmatari, circa 350 e tutti accademici, chiedono una sanatoria per gli stranieri irregolari. “Per rendere operativa la nostra proposta sarebbe necessario modificare la proposta di decreto legge attualmente in discussione in Commissione lavoro che limita questa possibilità ai settori dell’ agricoltura, della pesca e della silvicoltura estendo la misura agli altri settori produttivi”. 

Nell’appello si legge anche: “Dato che la regolarizzazione è innanzitutto per ragioni di salute pubblica, occorre rilasciare a tutti gli stranieri in condizioni di soggiorno illegale un permesso di soggiorno per asilo, in base ad art. 11 Dpr 394/1999 e art. 10 Cost., prevedendo che sia utilizzabile da subito per iscriversi al Ssn e al centro per l’ impiego e per accedere alle provvidenze di assistenza sociale“.

In sostanza significa che il consulente del ministero della Salute sta chiedendo di mettere in regola tutti i clandestini offrendo loro un permesso di soggiorno per motivi sanitari, che consenta agli stessi di iscriversi al Sistema sanitario nazionale e di beneficiare dell’assistenza pubblica. Il tutto mentre proprio il nostro sistema sanitario è sotto pressione a causa dell’emergenza Coronavirus.

Verrebbe da chiedersi: perché Ricciardi, che siede nel direttivo dell’Oms, invece di spingere per trovare una soluzione che pesa solo all’Italia non propone una gestione globale del problema migratorio? O, se non vuole coinvolgere l’Organizzazione, potrebbe chiedere aiuto al presidente Trump. Lui forse ha già dimenticato la questione del video su Twitter.

Condividi!

Rispondi

© 2019-2020 Stopcensura.org | Tutti i diritti riservati. Le pubblicazioni sul sito web non hanno alcun carattere di periodicità.