Bellanova (Iv): “L’agricoltura è integrazione, sanatoria per 600mila clandestini”

Condividi!

Teresa Bellanova (Iv) rilancia la proposta di regolarizzare 600mila immigrati clandestini da impiegare nei campi: “Nel nostro settore agricolo trovano occupazione 346mila lavoratrici e lavoratori di ben 155 paesi diversi, con 30 milioni di giornate lavorative rappresentante il 26,2% del totale del lavoro necessario nelle campagne italiane. La nostra agricoltura quindi è anche un grande laboratorio di integrazione”.

“Sono 600mila, secondo le stime, gli irregolari stagionali nell’agricoltura che vengono spesso sfruttati e lavorano in Italia per quella criminalità che chiamiamo caporalato, che per me significa mafia. O è lo Stato a farsi carico della vita di queste persone o è la criminalità organizzata”, spiega l’esponente di Italia Viva.

Le replica di un utente italiano su Twitter: “Problemi con l’affitto? Con le bollette? Con le rate? Con la tua azienda che rischia di chiudere? La ministra Bellanova, che tanto a cuore ha gli interessi degli italiani, ha la soluzione: “Regolarizziamo 600mila clandestini”. Normale no?”.

Condividi!

3 thoughts on “Bellanova (Iv): “L’agricoltura è integrazione, sanatoria per 600mila clandestini”

  1. ma questa è pazza da legare ma chi la messa li all’agricoltura vuole regolarizzare 600 mila clandestini ma i soldi da dove li prende questa maiala porco ?

  2. Se venissero regolarizzati i clandestini… dovrebbero esserlo anche contrattualmente.
    Milioni di italiani disoccupati, se venissero regolarizzati contrattualmente, sarebbero subito disponibili.
    Perché allora pensare ai clandestini quando milioni di italiani fanno la fame?
    La Bellanova ha la testa solo per dividere le orecchie.

  3. Perché qualcuno pensava che la “compagna contadina” riuscisse ad aver una idea migliore?
    Questai ministra farebbe un figurone a raccogliere pomodori e comunque ne vedremo delle belle con questi manovali e pure ignoranti al governo tra la bella (?) Nova, Landini, Barbagallo e la Furlan siamo in un botte di…merda

Rispondi

© 2019-2020 Stopcensura.org | Tutti i diritti riservati. Le pubblicazioni sul sito web non hanno alcun carattere di periodicità.