Carabiniere massacrato di botte da immigrato: naso e mandibola rotta (FOTO)

Condividi!

Il carabiniere è stato pestato da un immigrato di 41 anni dopo essere intervenuto per fermare un’aggressione ai danni di alcuni passanti ad Avezzano, in provincia de L’Aquila. Lo straniero è fuggito verso al sede della Caritas, luogo in cui l’immigrato trova rifugio, sostegno e protezione. Lì è stato raggiunto dai militari, si è opposto all’arresto: ha sferrato due pugni violentissimi sul viso del carabiniere di 55 anni, rompendogli la mandibola e il naso.

La foto del militare sanguinante è stata postata, in tutta la sua drammaticità, sui profili Facebook dei sindacati delle forze dell’ordine e di molti politici di Avezzano dove è in corso la campagna elettorale per il rinnovo del sindaco. Tanti gli attestati di solidarietà al carabiniere della Compagnia di Avezzano che presta servizio al Nucleo Radiomobile.

Condividi!

One thought on “Carabiniere massacrato di botte da immigrato: naso e mandibola rotta (FOTO)

  1. Nel caso del carabiniere malmenato dal clandestino, non è che mi dispiace dato che il carabiniere avrebbe dovuto avere la pistola e se non l’ha usata sono cavoli SUOI e se non sa come difendersi vada a fare lo spazzino!!

Rispondi

© 2019-2020 Stopcensura.org | Tutti i diritti riservati. Le pubblicazioni sul sito web non hanno alcun carattere di periodicità.