De Luca indagato: “Falso e truffa, ha favorito i suoi quattro autisti”

Condividi!

Il governatore della Campania Vincenzo De Luca è indagato per falso e truffa: agevolazioni e favoritismi destinati al drappello dei quattro storici autisti dell’esponente del Pd che con distinti decreti avrebbe fatto trasferire dal suo ‘feudo’, la Salerno di cui è stato per oltre 20 anni sindaco, alla Regione, elevandoli al ruolo di addetti o responsabili di segreteria del presidente. Fatale, ai fini dell’inchiesta con i relativi accertamenti, l’incidente d’auto che ha visto protagonista uno dei 4 autisti, Claudio Postiglione, il 15 settembre del 2017 al rione Carmine di Salerno (con il presidente a bordo) in un tratto di strada controsenso imboccato, secondo le opposizioni, solo per riportare a casa il governatore. Lo riporta oggi FanPage.

I quattro vigili-autisti erano inseriti come membri dello staff delle relazioni istituzionali, pur essendo privi di formazione, curriculum e specializzazioni. Un escamotage che sarebbe servito solo ad innalzare la retribuzione, con una indennità lorda annua di 4.600 euro.

Condividi!

One thought on “De Luca indagato: “Falso e truffa, ha favorito i suoi quattro autisti”

  1. NON SI SMENTISCE MAI UN CAMORRISTA…
    È NEL SUO DNA…
    SUO PADRE LO ERA, LUI LO È, I SUOI FIGLI LO SONO…

Rispondi

© 2019-2020 Stopcensura.org | Tutti i diritti riservati. Le pubblicazioni sul sito web non hanno alcun carattere di periodicità.