Guardia Costiera Libica anticipa Sea Watch: riportati indietro 200 migranti

Condividi!

“Questa volta è arrivata prima la Guardia Costiera Libica: 200 migranti riportati in Libia. Ne danno triste notizia la Sea Watch, Alarm Phone e i trafficanti del Bangladesh”. E’ quanto rivela stamane la scrittrice sovranista Francesca Totolo sul suo profilo Twitter. Don Zerai di Alarm Phone si dispera: “La c.d. Guardia Costiera libica, alleata dell’UE, ha riportato 200 persone verso guerra e tortura in Libia. Pretendiamo che si smetta di impedire alle persone di fuggire dalla Libia. Hanno il diritto di lasciare il Paese!”. Gli fa eco la Sea Watch: “Migranti riportati illegalmente in Libia”.

La reazione degli utenti su Twitter: “200 in meno in Italia, per ora!“. “quanto godo, si staranno strappando i capelli che si son persi 200 versamenti”. “Un ringraziamento alla Guardia costiera libica per l’enorme impegno profuso nel contrasto ai trafficanti di esseri umani!”. “Molto bene. È ora di dire basta”. “Meno male, ogni tanto una buona notizia“. ““Respinte illegalmente in Libia”? Lo hanno scritto seriamente?”. “Bravi libici, game over“.

Condividi!

Rispondi

© 2019-2020 Stopcensura.org | Tutti i diritti riservati. Le pubblicazioni sul sito web non hanno alcun carattere di periodicità.