Ius Soli, Generale: “Non permettiamo che l’Italia diventi un inferno afro-islamico”

Condividi!

“Parlamentari italiani, cittadini italiani, amici di Facebook, opponetevi alla follia ideologica dello ius soli”. “La sovraffollata e indebitatissima Italia – scrisse il generale Perrotti – non è la vasta e deserta America del 1800. Non può concedere spazio, passaporto e diritti a chiunque venga partorito in Italia. In base alla legge attualmente vigente, tutti gli stranieri possono diventare cittadini italiani, ma dopo aver compiuto diciotto anni, dopo aver studiato in Italia e dopo aver espresso la volontà di optare per la cittadinanza italiana”.

Il suo è un attacco durissimo: “Lo ius soli, proposto e fermamente voluto da questo inetto e a moltissimi inviso governo di sinistra, concederà la cittadinanza anche in base alla sola nascita sul territorio italiano. Con esso si manifesta la volontà di alterare, deformare, corrompere il tessuto socio-culturale del nostro Paese. La conseguenza di esso sarà un’immane catastrofe, che sconvolgerà la vita di tutti”. Lo riporta Libero Quotidiano.

C’è solo una strada secondo il militare della Folgore: ognuno dovrebbe annunciare pubblicamente di votare “contro tutti i partiti e i politici che sostengono la proposta di legge in discussione per lo ius soli”. Certo, serve coraggio: “Non lasciatevi intimidire dal ricatto morale di chi vi chiama razzisti e xenofobi: i veri razzisti sono coloro che stanno distruggendo il futuro dei vostri figli, coloro i quali approveranno una legge che renderà l’Italia un inferno afro-islamico”.

Condividi!

12 thoughts on “Ius Soli, Generale: “Non permettiamo che l’Italia diventi un inferno afro-islamico”

    1. FACCIAMOLO SUBITO, INTENDO DIRE DI METTERLI D’AVANTI UN PLOTONE D’ESECUZIONE E FUCILARLI TUTTI DI SPALLE SENZA LASCIARNE UNO IN VITA.

  1. la pensa come voi,dobbiamo opporci a questa grande buffonata,a casa questa sx,piduista.non voglio vivere in un paese sopraffatta da migranti,islamici,devono tornare a casa loro.

    1. IL colpo di stato bisogna fare alle urne e sbattere fuori la sinistra. Votate Salvini per capo del governo!

  2. Visto che non vogliono capire quello che ci stanno imponendo a tutti noi Italiani, senza invocare l’aiuto di altri Stati, bisogna buttare nel vero senza della parola giù questo Governo non eletto dal popolo, nell’inferno che stiamo precipitando.

  3. Con le chiacchiere nn si risolve nulla fatti .10000 cittadini a rima a manifestare e calci in culo a chi propone determinate leggi

  4. La cosa è stata pianificata nei dettagli. Guardate questa gente nelle manifestazioni con i drappi con la falce e Martello, il simbolo pd, le sigle sindacali sinistrose. La pianificazione di questo governo consiste di avere il serbatoio di voti nelle elezioni. Sveglia italiani, buttiamoli tutti fuori questi pseudo politici non sono degni di stare seduti in quegli emicicli luoghi che hanno visto grandi statisti nel difendere la patria, l’Italia, gli italiani.

  5. Generale poche chiacchiere e molti fatti. cominci a preparare le truppe dal nord al sud invitando anche il popolo ad occupare i palazzi del governo ed arrestare tutti i comunisti traditori e responsabili della bancarotta della PATRIA. noi siamo pronti aspettiamo il via⚔🔪🔫

  6. Ci vogliono le maniere forti e mazze da baseball contro gli invasori e l’esercito con le armi in pugno, pronto ad intervenire prima dello sbarco. Mazzate a tutto spiano. Abbiamo la folgore,il col moschino.non si dia spazio agli invasori merdulmani.

  7. Nassirya non sta in Italia.
    Che ci facevamo in quel posto……?
    Questo generale e’ partito col piede sbagliato…..

    Se proprio vuol difenderci ci difenda dall’invasione Leghista . che han sempre sostenuto di non essere Italiani .
    Poi penseremo ai migranti ma, se continuiamo ad andare a casa loro a depredarli, il minimo e’ che vengano tutti qua a farci fare la stessa esperienza che i Pagani han fatto quando sono stati invasi dai Cristiani……
    Nulla di nuovo sotto il sole……

Rispondi

© 2019-2020 Stopcensura.org | Tutti i diritti riservati. Le pubblicazioni sul sito web non hanno alcun carattere di periodicità.