La priorità di Renzi: “Pensiamo agli immigrati, cittadinanza a chi lavora”

Condividi!

L’ex presidente del consiglio, Matteo Renzi, fa il punto della situazione sull’emergenza sanitaria ed economica che l’Italia sta attraversando a causa della diffusione del Coronavirus: “Pensiamo ai meno garantiti. Lavoro nero, immigrati e badanti meritano precise garanzie”.

Il senatore di Italia Viva, ex segretario del Partito Democratico, chiede lo stop a mutui e tasse: “Ogni tipo di richiesta di denaro va sospesa: tasse, affitti, mutui, eccetera”. Così Askanews.

Per l’ex premier, “il governo ha bloccato le libertà di 60 milioni di italiani ma non è stato capace di bloccare il virus della burocrazia. Il «Cura-Italia» è un incomprensibile fiume di parole. Le autocertificazioni per spostarsi cambiano ogni giorno: facciamo una autocertificazione in meno e un tampone in più. In momenti come questi la vita della gente va resa semplice, non complicata, la burocrazia non può vincere sulla Costituzione”.

In ultimo, Renzi riflette sulla condizione dei clandestini: “Abbiamo anche il dovere di immaginare una strada per far emergere le sacche di irregolarità e di immaginare anche per queste precise garanzie. Penso ai lavoratori in nero a cominciare dalle badanti fuori regola e penso ai migranti regolari che chiedono la cittadinanza. Facciamo emergere la verità. E diamo la cittadinanza a chi lavora”.

Condividi!

Rispondi

© 2019-2020 Stopcensura.org | Tutti i diritti riservati. Le pubblicazioni sul sito web non hanno alcun carattere di periodicità.