La Russa: “Il 25 aprile per ricordare i caduti di tutte le guerre”. Protestano le sardine

Condividi!

Divampa la polemica sulla proposta di Ignazio La Russa in vista della festa della Liberazione. “Da quest’anno il 25 aprile diventi, anziché divisivo, giornata di concordia nazionale nella quale ricordare i caduti di tutte le guerre, senza esclusione alcuna. E in questa data si accomuni anche il ricordo di tutte le vittime del Coronavirus che speriamo cessino proprio in aprile”, è l’idea lanciata dal senatore di Fratelli d’Italia e vicepresidente del Senato, per il quale “chi vorrà, sabato prossimo potrà listare a lutto un tricolore e cantare la canzone del Piave”.

Le reazioni non si sono fatte attendere. Protestano le Sardine: “Il 25 aprile è il giorno della memoria sulla liberazione dal nazifascismo. E’ la festa della Resistenza con un inno, ‘Bella ciao!’. Onorevole Ignazio La Russa basta con questi tentativi di revisione storica. Il Covid-19 non c’entra nulla con il 25 aprile!”, afferma il movimento anti-sovranista. Lo riporta l’Adnkronos.

Condividi!

One thought on “La Russa: “Il 25 aprile per ricordare i caduti di tutte le guerre”. Protestano le sardine

  1. Il 21 aprile l’Inno a Roma, il 25 aprile la Canzone del Piave e bandiere a lutto, dal 21 al 25 aprile olio bollente per friggere le sardine.

Rispondi

© 2019-2020 Stopcensura.org | Tutti i diritti riservati. Le pubblicazioni sul sito web non hanno alcun carattere di periodicità.