Landini (Cgil): “Regolarizzare i migranti è un atto di intelligenza”

Condividi!

“Abbiamo chiesto la regolarizzazione dei lavoratori migranti, ma ieri sera il governo non ci ha risposto. Sarebbe un atto di intelligenza per la salute dei lavoratori e per combattere il lavoro nero e il caporalato”. Ospite di Circo Massimo su Radio Capital, come riporta Repubblica, il segretario generale della Cgil Maurizio Landini ha rilanciato la sanatoria degli immigrati clandestini presenti in Italia. “Sono sfruttati, invisibili, nessuno vuole lavorare per 3 euro l’ora. Continuare con questo regime vorrebbe dire regalare alla criminalità organizzata la gestione di questo mercato nero. Regolarizzare sarebbe un segnale per il futuro del lavoro” conclude il segretario Cgil. 

Condividi!

2 thoughts on “Landini (Cgil): “Regolarizzare i migranti è un atto di intelligenza”

  1. Prima di regolarizzare i lavoratori migranti, ci serebbe da regolarizzare quelli della Cgil che con una legge sbagliata, approfittano di andare in pensione sulla base dell’utimo mese di lavoro ed è ben noto che quello che pigliano in più grava sulle spalle dei lavoratori. I lavoratori migranti possono tornare al loro paese d’origine.

Rispondi

© 2019-2020 Stopcensura.org | Tutti i diritti riservati. Le pubblicazioni sul sito web non hanno alcun carattere di periodicità.