Leader dei braccianti avverte: “Regolarizzateci tutti oppure scioperiamo”

Condividi!

Aboubakar Soumahoro, sindacalista USB e leader dei braccianti africani, stamane in collegamento con Coffee Break (La7), ha lanciato l’ultimatum all’esecutivo Conte Bis: “Sciopero dei braccianti se non c’è la regolarizzazione. Noi qui partiremo con uno sciopero se non ci sarà una risposta immediata per consentire ai lavoratori di avere quella dignità perduta che non può passare attraverso un ragionamento cinico e privo di senso di umanità. Perché è cinismo legare la sanatoria agli interessi del mercato”.

Regolarizzare 600mila immigrati clandestini per creare un esercito industriale di riserva a svantaggio degli italiani. In sostanza è questa la proposta di Italia Viva, il partito di Matteo Renzi e della Bellanova. Se gli immigrati dovessero regolarizzarli e pagarli il giusto, a questo punto potrebbero benissimo assumere gli italiani: li tengono perché possono sfruttarli. E invece noi proponiamo che vengano impiegati i percettori del reddito di cittadinanza o di altri sussidi. In questa fase di emergenza economica e sanitaria, un governo responsabile attuerebbe misure e aiuti concreti per favorire l’ingresso nel mondo del lavoro ai tanti (troppi) disoccupati italiani presenti sul territorio nazionale.

Condividi!

Rispondi

© 2019-2020 Stopcensura.org | Tutti i diritti riservati. Le pubblicazioni sul sito web non hanno alcun carattere di periodicità.