Migranti, lampedusani scrivono a Musumeci: “No allo sbarco della Alan Kurdi”

Condividi!

Paura a Lampedusa e in tutta la Sicilia per l’arrivo della nave tedesca Alan Kurdi, che ormai da giorni è al limite delle acque territoriali italiane. La nave della Ong tedesca ha quasi 150 migranti a bordo. Diversi di loro sarebbero malati. Uno è sbarcato ieri per motivi di salute non chiariti. 

Per questo i lampedusani hanno scritto una lettera al presidente siciliano Nello Musumeci: “Prima di essere imprenditori siamo genitori; gente che da un trentennio ha subito i flussi di migranti che sono sbarcati sulla nostra piccola isola. Li abbiamo accolti, rifocillati, accuditi sempre. Oggi, stiamo vedendo una nave di una Ong tedesca che vorrebbe attraccare a Lampedusa. A bordo ha più di 100 migranti (145 per la precisione, ndr) e da quello che sappiamo, ci sarebbe qualcuno di loro che sta male”.

“Premesso che nessuno di noi non vorrebbe aiutare questi esseri umani ma stiamo vivendo una situazione al limite. Il Coronavirus è il pericolo incombente. Non possiamo a Lampedusa, accogliere nessuno e meno che mai, persone che arrivano da paesi extracomunitari dove la pandemia è arrivata”, dicono.

Denunciano: “Non ci sono le condizioni e potrebbe essere una ecatombe per tutti noi se anche solo uno di loro fosse positivo al coronavirus. Nel centro di accoglienza ci sono già migranti in quarantena. La preghiamo signor presidente Musumeci, di aiutarci. Di fare sbarcare altrove queste persone in luoghi dove sarà possibile dargli assistenza sanitaria e umanitaria”.

E concludono: “Signor presidente il nostro è un grido di allarme ma anche una richiesta di aiuto da padri e madri terrorizzati dal coronavirus e da quello che potrebbe accadere se a Lampedusa dovesse sbarcare questo virus maledetto che sta mettendo in ginocchio il mondo intero”.

Condividi!

Rispondi

© 2019-2020 Stopcensura.org | Tutti i diritti riservati. Le pubblicazioni sul sito web non hanno alcun carattere di periodicità.