Migranti, sindaco Lampedusa chiede aiuto: “L’hotspot sta scoppiando”

Condividi!

“L’hotspot di Lampedusa sta scoppiando, ci sono oltre novecento persone su una capienza di cento ospiti. Mi rivolgo direttamente al premier Conte. Il centro d’accoglienza va svuotato subito, non possiamo aspettare le navi quarantena”. È l’accorato appello lanciato al presidente del Consiglio Giuseppe Conte, attraverso l’organo di stampa Adnkronos, dal sindaco di Lampedusa Salvatore Martello.

La situazione è molto grave e non possiamo aspettare l’arrivo della nave previsto per domani sera – dice – bisogna subito alleggerire il centro d’accoglienza”. Da qui l’appello al premier Conte: “Non riesco a capire per quale motivo, essendoci stati più sbarchi in questo periodo del 2011, quella volta venne dichiarato lo stato di emergenza e ora si fa finta di niente”. E ricorda: “In 28 giorni ci sono stati più sbarchi del 2011. Come si fa a dire che non è un’emergenza?”.

Condividi!

2 thoughts on “Migranti, sindaco Lampedusa chiede aiuto: “L’hotspot sta scoppiando”

  1. Arrangiati ac-coglilone, volevi clandestini ora li hai, tienteli ed accudiscili, spera non siano contagiosi COVID, se così non è “pace all’anima tua ed ai lampedusani” Alternativa: BLOCCATE GLI SBARCHI con qualunque mezzo!!

  2. Non andiamo in Sicilia nemmeno quando tutto sarà finito questo inferno. hanno preferito gli immigrati ai lombardi.

Rispondi

© 2019-2020 Stopcensura.org | Tutti i diritti riservati. Le pubblicazioni sul sito web non hanno alcun carattere di periodicità.