Open Arms, Tria difende Salvini: “Fu una decisione collegiale, nessuno si oppose”

Condividi!

A spezzare una lancia a favore dell’ex vicepremier Salvini pure Giovanni Tria. L’ex ministro dell’economia, che nei giorni concitati della scorsa estate c’era eccome, difende il leader della Lega sul caso Open Arms: “Ho sentito parlare di interesse pubblico: per quel Governo quello era interesse pubblico. L’informazione stava sui giornali, chi non era d’accordo poteva esprimersi. Ci sono responsabilità collegiali”, tuona a ridosso del via libera al processo che vede il capo del Carroccio accusato di sequestro di persona.

Stando dunque alle parole di Tria, anche Giuseppe Conte è coinvolto, così come più volte ribadito da Salvini, nel caso. Ad avvalorare la sua teoria un altro politico che era al fianco del Movimento 5 Stelle: Gianluigi Paragone. L’ex pentastellato ha infatti confessato che lo stesso M5s era d’accordo sulla linea dura tenuta dalla Lega nei confronti dei migranti. Insomma, tutto sembra far pensare che a pagarne le conseguenze sia sempre solo Salvini. È quanto riporta liberoquotidiano.it.

Condividi!

Rispondi

© 2019-2020 Stopcensura.org | Tutti i diritti riservati. Le pubblicazioni sul sito web non hanno alcun carattere di periodicità.