Poliziotto ucciso scatena ira italiani, associazione rom: “Razzisti, fascisti, nazisti”

Condividi!

“Ciò che sto leggendo sui responsabili di quanto accaduto la notte scorsa è dettato ancora una volta dall’ira razzista, fascista, nazista italiana contro il popolo rom. E non contro i ladri”. Così, all’Adnkronos, Marcello Zuinisi, legale rappresentante dell’associazione Nazione rom.

“Massima la nostra vicinanza alla moglie, ai bambini, alla famiglia di questo signore morto lavorando – aggiunge – Vergogna al fascismo nazista razzista italiano che continua a perseguitare i rom da 80 anni. Chi stupra è stupratore, chi uccide è assassino, chi ruba è un ladro, indipendentemente dalla propria appartenenza etnica, dalla religione e dal credo politico. Lo dice anche l’articolo 3 della Costituzione Italiana. Esprimo dolore anche da parte dell’Unione Internazionale Romanì, organizzazione attiva per i diritti dei rom”.

Condividi!

5 thoughts on “Poliziotto ucciso scatena ira italiani, associazione rom: “Razzisti, fascisti, nazisti”

  1. Tutti possono avere una propria idea, ma tutti sanno che i ROM sono una genia di ladri-truffatori- anche assassini l’importante per loro è vivere a spese degli altri senza lavorare e se ciò ti qualifica come razzista e fascista vuol dire che l’80% degli italiani, nei riguardi dei ROM, lo sono!!

  2. Mi piace riso e bisi e non macello zuinisi. Solo un grande culo potrebbe ospitare lui e tutti i suoi rom del cavolo. Magari un grande culo su ruote, così potrebbero smetterla di rubare, elemosinare creando poveri storpi e altre amenità del genere, come non mandare i figli a scuola e, invece, insegnar loro l’arte del borseggio e della procreazione precoce. Dimenticavo le occupazioni abusive e le macchine da miliardari.

  3. Ho dimenticato di precisare che, su quel grande culo su ruote, dovrebbero andare fuori dall’Italia, o scarrozzare in mare e finire sempre nel culo di una grande balena.

  4. GUARDATE CHE SE ERANO DI UN ALTRA POPOLAZIONE VENIVANO DESIGNATI COMUNQUE ASSASSINI DELINGUENTI E IN GALERA A VITA IO AVREI APPLICATO OCCHIO PER OCCHIO DENTE PER DENTE.iL REATO ANDAVA ESTINTO IN BASE ALLA GRAVITà.ERGASTOLO,BISOGNA ESSRE NEUTRALI,ANCHE SE FOSSE STATO UN AMICO ,PARENTE IL PESO DEL REATO è SEMPRE QUELLO..DUNQUE è INDIFENDIBILE UN ATTO DEL GENERE,QUINDI IN GALERA O LAVORI FORZATI.VEDRETE CHE QUALCHE D UNO DI MENO CERA.BASTA INCOMINCIARE IL PRIMO POI IL 2 E VIA VIA DIMINUISCONO.PER FINIRE LA GIUSTIZIA SE LA DATE IN MANO AI PARENTI DELLE VITTIME,è QUESTO LA REAZIONE GIUSTA.SE IO AMMAZZO UNO ,IO LA GALERA NON LA VORREI MA DITELO AI FAMILIARI LE COSE CAMBIANO,EVIDENTEMENTE IL PESO GIUSTO è DELLE PERSONE VICINE ALLE VITTIME,AL CONTRARIO,UCCIDETE UNO DI LORO VI LINCIANO,COME MI RISPONDETE QUì VI VOGLIO.COSA FACCIAMO,FACILE DIRE SONO INNOCENTI ,QUINDI SARANNO INNOCENTI ANCHE DELL ALTRA PARTE NON REGGE LA DIFESA,CI VUOLE LA FINE DELLA COMPOSITA DINAMICA.INFINE CHI VA IN GALERA?BISOGNA ACCETTARE I QUESITI CON LO STESSO PESO E MISURA.

  5. non voglio sprecare le mie parole per questi delinquenti, mandiamoli via non sono razzista ma ognuno a casa sua ho una certa età e non ho mai preso nulla che non era mio, non ho mai rubato, mai ucciso qualcuno, per me chi uccide deve essere ucciso, chi ruba gli vanno tagliate le mani e poi se tutto questo intendo le regole di vita andassero via

Rispondi a sagifra Annulla risposta

© 2019-2020 Stopcensura.org | Tutti i diritti riservati. Le pubblicazioni sul sito web non hanno alcun carattere di periodicità.