Protesta patriottica, bandiere Ue bruciate per strada: “Noi siamo l’Italia”

Condividi!

Coronavirus. Solidarietà europea non pervenuta nonostante la gravissima emergenza sanitaria oltreché economica che il nostro Paese sta attraversando ormai da settimane.

Inevitabile la reazione in senso nazionalistico di alcuni cittadini italiani che, in mezzo alla strada, per protesta, hanno bruciato per l’appunto alcune bandiere dell’Unione Europea.

Secondo Matteo Brandi, volto noto della galassia sovranista nostrana, “l’UE si dimostra per ciò che è sempre stata: un covo di usurai interessati solo ai nostri soldi. Non esiste alcuna solidarietà europea, solo pugnalate alle spalle. Poniamo fine a questo incubo. Noi italiani ci salviamo da soli”.

Allo stesso modo la pensa Francesco Amodeo, autore del volume La Matrix Europea, che su Twitter ieri ha scritto: “L’Ue è una casa che brucia. Più tempo restiamo dentro, più mettiamo a rischio i nostri cittadini. Non possiamo che fare appello al nostro orgoglio e alla nostra dignità e dichiarare che noi italiani ci salviamo da soli”.

Condividi!

Rispondi

© 2019-2020 Stopcensura.org | Tutti i diritti riservati. Le pubblicazioni sul sito web non hanno alcun carattere di periodicità.