Saviano: “Regolarizzare tutti i clandestini seguendo l’esempio del Portogallo”

Condividi!

In piena emergenza Coronavirus, torna a farsi sentire Roberto Saviano che, in un lungo articolo scritto da New York, chiede ai Governi europei (Italia, dunque, compresa) di regolarizzare tutti gli immigrati clandestini. È quanto riporta stamane Il Giornale in un articolo intitolato: La sinistra ora sfrutta il virus: vuole regolarizzare i migranti.

“Se il resto d’Europa – scrive l’autore di Gomorra – seguendo l’esempio del Portogallo, regolarizzerà la posizione di tutti gli immigrati in attesa di permesso di soggiorno consentendo alle fasce più disagiate di avere accesso al welfare, potremo dire che la società avrà usato la tragedia per migliorarsi. Se questo non accadrà, quando tutto ci sembrerà finito avremo giusto un’ora d’aria prima che arrivi la prossima catastrofe”.

Immediata la replica della consigliera comunale leghista Silvia Sardone sui suoi profili social:

“C’è qualcuno che indegnamente sta usando l’emergenza Coronavirus per spingere verso la regolarizzazione dei clandestini. Ma vi pare normale usare un’emergenza nazionale per fare propaganda immigrazionista?”.

Condividi!

3 thoughts on “Saviano: “Regolarizzare tutti i clandestini seguendo l’esempio del Portogallo”

  1. METTIAMO LA PAROLA “FINE” ALL’INVASIONE SELVAGGIA. STOP ALLE ONG RIMPATRI IMMEDIATI DEI NN PROFUGHI(CHE SONO LA MAGGIORANZA) VISTO CHE NELL ‘UE NN C’È NESSUNA NAZIONE CHE VUOLE ACCOGLIERLI. FINE DEL PROBLEMA. L’ITALIA HA DATO ORA BASTA!!!

  2. Effettivamente in un colpo solo sparirebbero i clandestini. È geniale ed è un metodo già sperimentato: quando il PD depenalizzò il reato di scasso, i furti diminuirono nelle statistice. 🙂

    Welfare per tutti! Paga Saviano da new York!
    Ah! Meno male! Una bella risata ci voleva proprio. Chiusi in casa, il tempo non passa mai! 🙂

  3. Il solito coglione, con tutti i problemi che abbiamo, se li prendesse in casa lui.. da Now York scrive

Rispondi

© 2019-2020 Stopcensura.org | Tutti i diritti riservati. Le pubblicazioni sul sito web non hanno alcun carattere di periodicità.