Silvia Romano, Di Maio: “A me non risulta che sia stato pagato un riscatto”

Condividi!

“A me non risultano riscatti” pagati per la liberazione di Silvia Romano. Lo ha affermato il ministro degli Esteri Luigi Di Maio alla trasmissione Fuori dal Coro su Rete 4, chiedendosi “perché la parola di un terrorista che viene intervistato vale più di quella dello Stato italiano”. Il riferimento è all’intervista rilasciata al quotidiano La Repubblica dal portavoce di al-Shabaab Ali Dehere. Lo riporta l’agenzia Adnkronos.

“Riportarla a casa è stato merito della nostra intelligence”, ha aggiunto Di Maio riferendosi alla liberazione della cooperante. “C’è gente che ha rischiato la vita per andare a prenderla in Somalia e riportarla a casa”, ha detto ancora, rivelando che “in questo anno e mezzo di prigionia abbiamo sentito la famiglia ogni giorno. Nel mio ministero ci sono persone che hanno sentito in lacrime il padre e la madre per un anno e mezzo, che non sapevano se la loro figlia fosse viva”.

Condividi!

One thought on “Silvia Romano, Di Maio: “A me non risulta che sia stato pagato un riscatto”

  1. Il Di Maio, il solito BIBITARO, non vale una cicca, incapace-inetto-bugiardo-traditore-vile -, basta avere una poltrona con relativo stipendio da parassita!!

Rispondi

© 2019-2020 Stopcensura.org | Tutti i diritti riservati. Le pubblicazioni sul sito web non hanno alcun carattere di periodicità.