Torino, accolgono un immigrato in casa: minacciati e derubati

Condividi!

I carabinieri di Cuorgnè hanno arrestato per estorsione un cittadino del Burkina Faso di 28 anni, regolare sul territorio nazionale, residente a Favria. L’uomo era già noto alle forze dell’ordine.

La vicenda è partita dalla conoscenza occasionale, avvenuta poche settimane fa, tra il giovane extracomunitario e la vittima che per aiutarlo gli ha concesso in uso gratuito una sua abitazione di proprietà a San Colombano Belmonte. Quando però il padrone di casa, visto l’atteggiamento violento del 28enne anche nei confronti dei vicini, gli ha chiesto di lasciare l’appartamento, il giovane ha iniziato a terrorizzare l’uomo e la sua compagna, chiedendo il “pizzo” per lasciare la casa.

Secondo le indagini dei carabinieri, in ben tre occasioni sarebbe riuscito a estorcere alla coppia oltre 400 euro, un telefono cellulare e la promessa, strappata con violenza e minacce, di cedergli un’auto a titolo gratuito. Il piano criminale dell’uomo è stato fermato solo grazie alla denuncia della coppia ai carabinieri: il 28enne è infatti stato sorpreso e fermato a Cuorgné mentre stava intascando un’ulteriore rata del pizzo. I carabinieri lo hanno così arrestato e trasportato al carcere di Ivrea. A riportarlo è torinoggi.it.

Condividi!

3 thoughts on “Torino, accolgono un immigrato in casa: minacciati e derubati

  1. Spero che l’esperienza della coppia torinese insegni cosa si rischia ad accogliere in casa i clandestini.

Rispondi

© 2019-2020 Stopcensura.org | Tutti i diritti riservati. Le pubblicazioni sul sito web non hanno alcun carattere di periodicità.