Torino, africano aggredisce utenti e Carabinieri alle Poste: bloccato col taser

Condividi!

Entrato dentro l’ufficio postale senza alcuna mascherina protettiva, l’extracomunitario ha cominciato a molestare le persone in attesa, ricoprendole di insulti. Trattasi di un 22enne di nazionalità senegalese, già noto alle forze dell’ordine per precedenti reati di polizia.

È stato infatti del tutto vano chiedere allo straniero di mantenere le distanze di sicurezza e di uscire dall’edificio. L’immigrato ha infatti continuato a molestare i presenti con il rischio di contagioLo riporta stamane il Giornale.

Compresa dunque la gravità della situazione, la direttrice del centro Poste ha deciso di contattare personalmente le autorità locali per chiedere un loro immediato intervento sul posto. I carabinieri, in un primo momento, hanno preferito un approccio soft, cercando di ricondurre lo straniero a più miti consigli, ma ogni loro tentativo è risultato del tutto inutile.

Ancora molto agitato, il soggetto ha infatti opposto una strenua resistenza ai militari, che si sono infine visti costretti a ricorrere all’utilizzo del taser in loro dotazione, attivato ben due volte. Il dispositivo è stato utilizzato all’esterno dell’ufficio postale, rivelandosi fondamentale per neutralizzare il senegalese e garantire la sicurezza dei cittadini e degli stessi uomini dell’Arma.

In seguito a quanto commesso questa mattina, lo straniero se l’è cavata con una semplice denuncia. Ancora ignote le ragioni che possono aver causato la sua violenta reazione: stando ad alcuni testimoni, il 22enne avrebbe perso la pazienza mentre si trovava in fila con altri utenti, pretendendo di passare davanti ad una signora.

Condividi!

One thought on “Torino, africano aggredisce utenti e Carabinieri alle Poste: bloccato col taser

  1. TASER A TUTTE LE FORZE DELL ‘ORDINE!!! VEDRAI COME GLI PASSANO SUBITO I BOLLENTI SPIRITI E LA PROSOPOPEA!! AH.. VALE X TUTTI.. NERI, BIANCHI, GIALLI, ROM ECC.!!!

Rispondi

© 2019-2020 Stopcensura.org | Tutti i diritti riservati. Le pubblicazioni sul sito web non hanno alcun carattere di periodicità.